Dark natter

aprile 7, 2012 § 4 commenti

Image

Franco percepiva un senso di impotenza, un forte senso di sbandamento lo induceva a cercare punti di riferimento stabili. Da dietro i vetri vedeva quelle dita uncinate che si artigliavano agli angoli, flussi di bruma si spandevano, lo smog invadeva gli spazi.

Questa nuvola bassa diventava sempre più consistente, quasi solida , emetteva un sordo suono interminabile con variazioni tonali che la rendevano come viva.

Questa nuvola era un’arma potentissima  , aveva anche un nome: “Dark natter”, aveva avuto origine nella Bible belt e si era propagata nel mondo . Altri paesi ne avevano preso l’esempio e contribuivano alla crescita ad aumentarne la densità. Il politicaly correct era morto e la tendenza era di sputtanare il prossimo o meglio l’avversario , sempre comunque in qualunque caso e se le cose di cui si accusavano gli altri non erano vere meglio. La maldicenza vagava leggermente incerta poi veniva presa e guidata come un proiettile ad ingrossare la grande nuvola  e il destinatario ne era travolto senza più nessuna remora . La gestione di più televisioni favoriva il propagare di questa Dark natter letteralmente chiacchiera oscura , si passava dai mezzi diretti a quelli più sofisticati tra i quali la difesa dello sputtanato.

La difesa dello sputtanato consisteva nel creare una serie di trasmissioni concentrate nel tempo nelle quali l’argomento principale era sempre la difesa dello sputtanato con mezzi diabolici come dicendo che ciò che aveva fatto (anche se non lo aveva fatto) era solo una cosa privata , inducendo gli ascoltatori a percepire che si la cosa era stata fatta ma non doveva essere messa in pubblico in quanto privata e così via , quasi ineccepibile ma sicuramente unilaterale .

Franco era stato sputtanato prima con la pubblicazione in prima pagina di una sua foto risalente a 4 anni prima in una festa di carnevale con amici vestito da donna ed abilmente trattata al computer  , poi dopo tre giorni la rettifica con smentita in un trafiletto in 16esima pagina . L’opera era stata completata da una serie di trasmissioni compiacenti (al suo avversario politico) dove lo avevano difeso strenuamente instillando il dubbio e perorando la sua causa , se a lui piaceva vestirsi da donna erano affari suoi. Franco per motivi di lavoro aveva studiato il fenomeno nell’area della gestione USA  , dove questo modo di condurre le campagne politiche era diventata la norma da parte degli editori dei media indirizzati verso una certa area politica. Aveva anche studiato il fenomeno riguardante i nostri media e i nostri politici, sapeva benissimo quanto fosse potente questa arma e come un editore di televisioni permettesse che nelle sue reti lo facessero oggetto di satira per potersi vantare della libertà concessa nelle proprie reti ma nel contempo diffondere nei TG una verità sempre parziale.

Franco conosceva questo ma non sapeva come difendersi , tutte queste chiacchiere aveva instillato il dubbio , anche nella sua famiglia , sua moglie si era subito schierata con lui ma dopo aver assistito ad una serie di dibattiti aveva detto una mezza frase tipo “ anche se fosse cosa c’è di male” aggiungendo “ma a scuola i ragazzi adesso saranno oggetto di scherno”. Certo questo aveva provocato questa manovra, gli stessi compagni di partito avevano dimostrato la loro solidarietà ma solo a parole nel concreto gli avevano fatto ritirare la sua candidatura per metterci un altro a suo giudizio poco valido.

Forse era proprio per quello , forse il fatto di aver sostenuto una cosa poco popolare ma nella quale lui credeva tantissimo era il motivo di tutto ciò.

Franco cercava di razionalizzare il suo pensiero , quando aveva iniziato la carriera politica sapeva che sarebbe stata dura portare avanti le proprie idee senza compromessi, ma si era impegnato seriamente . Aveva fatto una proposta contro tendenza , aveva suggerito che invece di chiudere gli zuccherifici sarebbe stato meglio potenziarli in maniera che i contadini potessero produrre più barbabietola  e gli zuccherifici più melassa  per la produzione di un alcool che mischiato a dei derivati delle lavorazioni di prodotti petroliferi potesse costituire un Bio-carburante  atto all’auto trazione e che nell’arco di 8 anni avrebbe potuto ridurre la dipendenza da petrolio e relativa bolletta energetica di circa il 12%. Il modo per cui questo avvenisse era ridurre le accise

rispetto alla benzina per poterlo far diventare concorrenziale e questo era un fatto politico. Durante la presentazione di questo progetto aveva avuto parecchi scontri con gli avversari politici e molte pressioni da parte dei propri colleghi di partito ma lui aveva tirato diritto convinto che il suo progetto avrebbe portato beneficio al paese.

Ora era annientato , stava pensando a sua moglie ai suoi figli , al modo di come uscire da quella situazione lui e i suoi cari. Doveva cedere ,arrendersi , forse non aveva capito che la politica è fatta di soldi per le campagne elettorali non di idee , si era illuso.

Chiedere un trasferimento , una altra città , lontano dalla politica ..forse avrebbe sanato la sua vita , una scelta  da vigliacco …ma non aveva altre scelte.. non si può combattere un guerra persa in partenza e non certo da una posizione messa così in ridicolo.

La nuvola nera permaneva nel suo cielo gli sembrava di sentirne il puzzo, Franco si augurò che intossicasse anche i suoi emettitori

Annunci

Tag:,

§ 4 risposte a Dark natter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Dark natter su 10sigarette.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: